Annullata la gara dell’Abetone: le motivazioni

Buon pomeriggio Spett. Fmi ,

Invio questa mail per chiedere ufficialmente di annullare la gara di Campionato Italiano Trial in Abetone in programma il 24-25 Giugno.

Nonostante gli investimenti in termini di lavoro e di rispetto delle procedure, non posso accettare di tenere in sospeso Piloti e Team.

A novembre 2022 la Regione Toscana mi ha chiesto uno studio d’incidenza ambientale per aree limitrofe e aree natura 2000. Per questo ho ingaggiato uno studio professionale leader del settore che, per avere la propria sede a Pistoia, conosce perfettamente il territorio e ha, quindi, la reputata competenza per svolgere tale funzione. Sul piano faunistico mi sono state proposte alcune misure restrittive che ho giudicato legittime e che ho immediatamente accettato.
Nei mesi di Gennaio, Febbraio e Marzo, dunque, abbiamo elaborato lo studio, provvedendo nel frattempo a modificare coerentemente la struttura della nostra Gara, e lo abbiamo presentato alla Regione nel rispetto della forma e della tempistica prevista dal protocollo.
Nel frattempo il caos dovuto all’annullamento della gara di Trofeo KTM prevista sempre a Pistoia ha suscitato la mia preoccupazione, tanto da spingermi a mettermi in contatto con il colonnello dei Carabinieri/Forestale, coinvolto in quella problematica, con lo scopo di poter lavorare per via diretta alla risoluzione degli eventuali problemi. Il dialogo non è andato benissimo e, dal momento che il parere positivo di nullaosta all’effettuazione della Gara sarebbe dovuto arrivare dall’interconnesso Ufficio Biodiversità, ho dovuto arrendermi alla constatazione che non si riusciva ad andare verso una soluzione positiva.
Nel frattempo ho dovuto mettere a conoscenza della problematica la Presidenza della Federazione Motociclistica Italiana. Abbiamo dunque, l’appoggio della nostra Federazione e dell’Amministrazione Comunale del territorio interessato alla Gara, ma dobbiamo restare in attesa della risposta finale della Regione Toscana che potrebbe essere un sì o un no oppure la richiesta di ulteriori integrazioni operative. Tempo purtroppo non bastante, per il comitato Trial che ci chiede conferme che non possiamo dare e per il rispetto che sentiamo di dovere al Circus del Campionato Italiano, Piloti, Team e addetti ai lavori, agli Sponsor e al pubblico che ci sostengono.
Non mi sento di aver ancora perso la partita ma sicuramente il grande lavoro non è servito a rendere possibile la prova del Campionato Italiano Trial.
Resterò al lavoro impegnato più che mai a ottenere il sì definitivo e, insieme al Comune di Abetone e alla Federazione Motociclistica Italiana, restiamo pronti a dare risposte e studiare correzioni eventualmente necessarie.
Mi scuso con gli attori e con gli appassionati, che ringrazio: il trial in Abetone non si ferma qui.”

Michele Bosi